Il Richiamo del cane

Molti di voi mi hanno chiesto esplicitamente di spiegare o andare in diretta per parlarvi del richiamo del cane.

Mettiamo subito le cose in chiaro, se per quanto riguarda i classici comandi dell’educazione io posso sorvolare sul tecnicismo, sulla forma, sulla bellezza, e sulla velocità , per quanto riguarda il Richiamo NO!

Il richiamo deve essere rapido. Il cane deve dimenticare qualsiasi forma di distrazione che possa influire in qualche modo il gesto tecnico e catapultarsi da noi come se non ci fosse un domani.

Il richiamo è :” se ti dico di venire qui, tu devi venire qui” non mi interessano cavolate pseudogentilistiche del tipo ” ha una bolla prossemica amplia” ” sta seguendo il suo istinto e va in esplorazione” ” tornerà quando ha fatto” non me ne frega un c.

Le città non sono un posto dove tenere un cane, parliamoci chiaro, i cani non sono nati per camminare sul cemento e i loro sensi sicuramente non sono concepiti per le città. Quindi se permettete io assumo la posizione di dittatore e dico, il cane non ha la capacità di capire la società umana in tutte le sue sfaccettature, del resto nemmeno noi siamo in grado di farlo. Quindi se io avverto che in quel posto tu devi venire da me, perchè non voglio che ti allontani troppo, tu vieni da me e basta. Its ok?

E’ possibile insegnare il richiamo perfetto?

Nulla è impossibile quando parliamo di cani, la domanda che io vi voglio fare è : ” è possibile che tu sia sempre paziente, coerente, costante e preciso nell’arco del tempo? ”

Per insegnare il richiamo perfetto occorre tempo, fiducia reciproca, rapporto . Se manca uno solo di questi punti il richiamo tentennerà.

Quindi prima di insegnare il gesto tecnico del richiamo al cane, è fondamentale insegnare a noi stessi che occorre tempo, perchè il tempo trascorso assieme nello svolgere un attività genera fiducia, la fiducia genera il rapporto. Tutto questo risveglia una cosa chiamata ” SENSO DI APPARTENENZA AL BRANCO ” .

Chi può imparare alla svelta ?

L’unico caso in cui io dico che i cuccioli imparano prima e meglio il richiamo rispetto ai cani adulti è proprio questo.

Il cucciolo attraversa varie fasi di crescita, ma nel periodo che va dai 2 mesi ai 5/6 mesi ha la naturale propensione a seguire l’essere umano per istinto protettivo.

Perchè non andare ad addestrare il cane al richiamo proprio adesso? Prima iniziate prima fissate il gesto tecnico, questo è ovvio.

Come insegnare il richiamo al cucciolo?

Imparate che ogni luogo deve essere un tavolino di prova, un set di scena adatto dove potete insegnare al vostro cane il richiamo. La parola d’ordine è lavorate, e fatelo ovunque!

Allontanatevi dal vostro cucciolo quando è distratto ad annusare per terra, o fissare in una direzione ( sfruttate l’addestramento naturale ), allontanatevi chiamandolo, e utilizzate il comando ” Vieni ” e quando questi girerà la testa verso di voi, girate il corpo, dategli le spalle e iniziate a corricchiare, fate movimenti che io definisco ” scattosi” per una ventina di metri, vedrete che per istinto naturale, il vostro cane sentirà l’impulso irrefrenabile di venirvi dietro.

Quando vi avvicinerà a voi, chinatevi sulle ginocchia e iniziate ad coccolarlo, è stato bravissimo.

Come vedete non è necessario l’utilizzo di cibo, ma se volete potete coccolarlo e dargli una ricompensa di cibo da mangiare, questo rinforzerà ancora maggiormente il gesto tecnico.

Sfruttate ogni occasione naturale che vi capiti di vedere per riproporre questo schema.

Questo è uno dei mille modi per poter insegnare il richiamo al cucciolo, abbiamo sfruttato una sua dote naturale per far si che il richiamo sia istantaneo. Dovete riproporre lo stesso schema sempre! Per tutto il resto della vostra vita.

Addestrare un cane significa instaurare un nuovo linguaggio di comunicazione. Un modo per farsi capire sempre.

Cosa non fare

L’elenco è breve quanto dannoso, mi raccomando non mi cadete in questi errori comuni, vi ricordo di leggere l’articolo dell’energia collaborativa che trovate qui

Non sgridarlo mai se non torna

Non picchiarlo mai

Non essere mai arrabbiato

Tutte queste cose possono portare il cane a pensare :” e che cavolo io sono tornato da te e tu mi picchi pure? Sei un mostro! Non ci vengo più !”

Ricordate che avete a che fare con una creatura che rimarrà eternamente bambina e il modo di pensare è proprio quello. RESTATE CALMI.

Telefonami per fissare la prima valutazione Gratuita direttamente a casa tua

 

 

 

Addestramento cani perugia, addestramento cani corciano, addestramento cani foligno, addestramento cani ponte san giovanni, addestramento cani assisi, addestratore a domicilio perugia, addestratore a domicilio corciano, addestratore a domicilio foligno, addestratore a domicilio ponte san giovanni, addestratore a domicilio assisi, educatore cinofilo perugia, educatore cinofilo corciano, educatore cinofilo foligno, educatore cinofilo assisi, educatore cinofilo ponte san giovanni